Use code SWEATERWEATHER and get a FREE Bubbe Clip 3-pack with every Cora Ball!

Il primer per l'inquinamento in microfibra

Avete sentito parlare dell'inquinamento da microfibra, ma cos'è veramente? Da dove proviene? Perché sta succedendo? Dove va, quali sono i pericoli e chi fa male? Queste sono le domande fondamentali sul problema dell'inquinamento da microfibra che ti aiuteranno a rispondere all'ultimo, più importante dilemma: cosa posso fare per mantenere il nostro oceano più pulito e prevenire l'inquinamento da microfibra? La comunità scientifica ti copre le spalle ed è al lavoro per indagare sul nuovo problema. Continua a leggere per scoprire cosa è noto e ancora sconosciuto nel mondo della microfibra!

Cos'è la microfibra? Dammi una definizione!

Penseresti che questa sia una definizione facile, ma ci sono alcune sottigliezze. Da un lato, probabilmente hai sentito parlare di asciugamani in microfibra, strumenti per la pulizia o indumenti. Non è necessariamente, e certamente non esclusivamente, ciò di cui stiamo parlando qui. Ai fini di questo primer e quando si pensa all'inquinamento da microfibra, stiamo parlando di pezzi di fibra, meno di 5 mm di lunghezza (5 mm sono circa la metà della larghezza dell'unghia del mignolo) che si sono staccati o rotti tutto ciò di cui facevano parte (la tua maglietta, un asciugamano, un tappeto, un telo, anche dalle gomme dell'auto) e sono sciolti nell'ambiente. Il loro diametro è meno importante, ma vanno da qualcosa che puoi vedere a così piccolo che sono visibili solo con l'ingrandimento. I materiali da cui provengono le microfibre sono tanto diversi quanto i materiali che esistono sul pianeta da sintetici come poliestere, nylon, spandex, ecc.; a materiali di derivazione naturale come cotone o lana. Un altro termine per descrivere ciò di cui stiamo parlando è "frammentazione delle fibre".

Immagine 1: Immagini ingrandite di vari tessuti con trame e materiali diversi. Tutti sono vulnerabili alla frammentazione della fibra.

Nota: non si tratta solo di plastica! Perché ci preoccupiamo delle microfibre di origine naturale in generale nell'ambiente? A meno che qualcosa non sia certificato biologico fino ai coloranti, è possibile che abbia prodotti chimici associati dannosi per il nostro ambiente. Le sostanze chimiche vengono aggiunte come coloranti e per fissare i coloranti, antirughe e sbiancanti ottici. Hai mai sentito di qualcuno che beve un antirughe? No, non l'abbiamo neanche noi e pensiamo che nessuno dovrebbe. In effetti, i prodotti antirughe da banco hanno avvertenze come "Non spruzzare sul viso" e "Non prendere internamente". Per questi motivi e altri di cui leggerai di seguito, pensiamo che sia importante includere TUTTE le fibre artificiali in questa discussione e mantenere l'oceano e i nostri corsi d'acqua pubblici liberi da tutto ciò che fa parte del nostro processo di produzione di abbigliamento e lavanderia routine.

Come viene creata la microfibra?

La creazione della frammentazione della microfibra/fibra si verifica quando indossiamo, laviamo e asciugiamo i nostri vestiti. In sostanza, sta potenzialmente accadendo continuamente a tutti i tessuti che usiamo e indossiamo. Detto questo, la lavatrice è un importante creatore di microfibre.

 Una media di 700.000 fibre per 6 kg di vestiti escono dalle nostre case e fuoriescono dai nostri scarichi ad ogni carico di biancheria (Napper, 2016).


Immagine 2: Le lavatrici non hanno filtri destinati a fermare le microfibre e i filtri per la lanugine dell'asciugatrice sono inadeguati.

Rachael Miller e la sua collega, la professoressa Kirsten Kapp del Central Wyoming College, hanno studiato l'espulsione della microfibra dalle bocchette dell'essiccatore. Hanno trovato una quantità allarmante di microfibra che fuoriesce dal filtro integrato per depositarsi a terra - fino a 30 piedi dallo scarico e probabilmente molto più lontano se trasportata dal vento (Kapp e Miller, 2021).

La nostra esperienza diretta ci ha insegnato che c'è una quantità significativa di microfibre che si staccano dai vestiti quando vengono indossati e utilizzati. La ricerca sulla microfibra è uno dei tipi di ricerca più difficili da svolgere. Non è perché sono coinvolti prodotti chimici aggressivi o attrezzature fragili. Il motivo è dovuto alla contaminazione da microfibra che si stacca dagli indumenti del ricercatore. Nei nostri sforzi per identificare la presenza ambientale esistente di inquinamento da microfibra, devono essere adottate misure scrupolose per proteggere i campioni durante la raccolta e l'elaborazione.

Dove si trovano le microfibre? 

La risposta breve è ovunque. Le microfibre sono state trovate in campioni in ogni specchio d'acqua, dai laghi, fiumi e oceani alle aree più remote dell'artico e del mare profondo. Ecco alcuni articoli che esaminano le microplastiche in un'ampia varietà di ecosistemi e aree geografiche: Dong et al., 2020, Alfaro-Núñez et al., 2021, Ross et al., 2021, Barret et al., 2020.

Il nostro team ha studiato l'inquinamento da microfibre e microplastiche nei fiumi. Durante la nostra spedizione sul fiume Hudson, guidata dal fondatore e co-inventore di Cora Ball, Rachael Miller, abbiamo trovato microfibre in alto negli Adirondack fino al punto in cui l'Hudson raggiunge l'Oceano Atlantico, anche dove nessuno vive (Miller et. al., 2017). La lunghezza dei fiumi Snake e Lower Columbia è stata campionata per microplastica e microfibra dallo scienziato ospite e partner del Rozalia Project, la professoressa Kirsten Kapp con risultati simili, trovando l'inquinamento da microfibra nelle aree rurali e urbane dei fiumi. (Kapp e Yeatmen, 2018).


Immagine 4: Mappa termica delle concentrazioni di microplastiche misurate durante la nostra spedizione Mountains to the Sea sul fiume Hudson. (Miller et al., 2017)

Gli scienziati stanno anche esaminando le microfibre nelle acque superficiali oceaniche. Una caratterizzazione globale (Suaria et.al., 2020) campionata in 6 principali bacini oceanici e ha scoperto che la maggior parte delle fibre trovate nell'oceano sono cellulosiche ( il più delle volte cotone). Ciò dimostra una sorprendente persistenza delle microfibre naturali e un'altra ragione per cui teniamo le fibre di origine naturale nella nostra lista di prodotti da tenere fuori dall'oceano.

Microfibre sintetiche nell'ambiente marino: una rassegna sulla loro presenza nell'acqua di mare e nei sedimenti ha riassunto la situazione dicendo che "le microfibre sono presenti in tutto il mondo nei sedimenti marini e nell'acqua di mare" e “[le microfibre] rappresentano la percentuale più importante di microplastiche, fino al 100% [di un campione]” (Gago et.al., 2018)

Le microfibre vengono mangiate dalle creature marine

Sembra che, nella maggior parte dei casi, quando gli scienziati hanno cercato la microfibra nelle creature marine, sono stati trovati. Gli studi includono le cozze in ambienti costieri e di acqua dolce (Christoforou et.al., 2020 e Doucet et.al., 2021), granchi (Watt et.al., 2015), plancton (Cole et.al., 2013) e pesci pinna (Rochman, 2016).

Gli studi di cui sopra hanno stabilito la presenza di microplastiche, principalmente microfibre in una varietà di specie. Per osservare i potenziali impatti dell'ingestione, gli scienziati stanno studiando le creature nei laboratori.* Il risultato del consumo della microplastica è vario:

  • I plastificanti all'interno della plastica e gli inquinanti organici persistenti aderiti (attaccati alla superficie dall'ambiente) possono trasferirsi nella creatura e agire come interferenti endocrini
  • Le microplastiche, in particolare le microfibre, possono aggrovigliarsi e rimanere nello stomaco, occupando spazio al posto del cibo e riducendo la quantità di cibo ingerito
  • Anche quando la plastica passa attraverso l'apparato digerente, non esiste alcun valore nutritivo derivato dal tempo trascorso a nutrirsi delle fibre.

Una combinazione di questi fattori ha portato a una riduzione misurata della vitalità riproduttiva (meno figli).

*Importante da notare: negli studi di laboratorio, le concentrazioni di microfibre/microplastiche sono spesso maggiori rispetto alle tipiche condizioni ambientali.


Immagine 5: Microplastiche fluorescenti fotografate all'interno del plancton. (Cole et al, 2013)

Le Micrfibre sono nel nostro cibo - questo significa anche il tuo cibo!

Non solo le microfibre si trovano nell'ambiente e nelle creature marine, ma si trovano anche negli alimenti che mangiamo a casa. Le microplastiche si trovano nel miele, nel sale, nei frutti di mare, nella birra, nell'acqua del rubinetto (Orb Media) e nell'acqua in bottiglia (Mason et .al., 2018). I frutti di mare testati in un mercato ittico della California hanno trovato microplastiche nel 25% dei pesci e nel 33,7% dei crostacei. (Rochman et al., 2015

Un rapporto del 2019 ha stimato che la persona media consuma l'equivalente di microplastica di una carta di credito ogni settimana, la maggior parte proveniente dall'acqua potabile (World Wildlife Fund, 2019).


Immagine 6: Sono state trovate microplastiche nell'acqua del rubinetto e in bottiglia, nel miele, nel sale, nella birra e in molti frutti di mare.

OK, capisco che il mio bucato causa inquinamento da microfibra! Cosa posso fare al riguardo?

Agisci contro l'inquinamento da microfibra prendendo il controllo del tuo bucato. Usa una Cora Ball per fare la differenza a casa tua o in una lavanderia a gettoni. Cora Ball si occupa di tutti i vestiti nel carico mentre i tuoi vestiti vengono puliti come al solito.

 Riducendo l'inquinamento da microfibra del 31%, Cora Ball impedisce anche in primo luogo che le microfibre si rompano i vestiti (Napper et. al., 2020).


I filtri per lavatrice aftermarket
possono essere installati come parte dell'impianto idraulico della lavatrice. Questi tipi di filtri indirizzano tutta l'acqua e devono essere svuotati spesso. Usalo in combinazione con Cora Ball per proteggere i tuoi vestiti e fermare la più alta percentuale di microfibra allo stesso tempo.

 

Aggiorna le tue abitudini di lavaggio per ridurre l'inquinamento da microfibra

  1. Lava meno: a meno che non ti sporchi davvero, indossa i vestiti più volte prima di gettarli nel cesto della biancheria e pulisci le macchie quando puoi. Questo avrà il vantaggio aggiuntivo di risparmiare sulla bolletta dell'acqua e dell'elettricità!
  2. Usa acqua fredda: l'acqua calda e quella calda causano più perdita di microfibra rispetto all'acqua fredda, quindi usa acqua fredda lavata a meno che non sia assolutamente necessario. SUGGERIMENTO: se stai passando al lavaggio ad acqua fredda, prendi in considerazione un nuovo detersivo per bucato specifico per il lavaggio ad acqua fredda: i tuoi vestiti diventeranno puliti come prima e risparmierai denaro sulle bollette del gas/elettricità!
  3. Riempi la lavatrice da piena a piena. Carichi completi o quasi completi di biancheria producono meno inquinamento da microfibra.
  4. Numero di giri inferiore nella centrifuga: non tutte le lavatrici hanno la possibilità di modificare la velocità di centrifuga, ma una velocità inferiore è migliore.

La tua voce ha potere!

Lavora con i marchi. Comunica con i tuoi marchi di abbigliamento preferiti che ti piacerebbe vedere vestiti più resistenti. Ciò può influenzare le decisioni di produzione e acquisto dei marchi e spingere anche i loro fornitori a fare meglio.

Non sono disponibili sul mercato filtri integrati per le lavatrici e abbiamo visto che anche i filtri per la lanugine delle asciugatrici non sono adeguati per prevenire l'inquinamento da microfibra. Parla e chiedi alle grandi aziende di cambiare lo status quo. C'è un'opportunità per un piccolo cambiamento ad alto livello per apportare un enorme cambiamento al problema dell'inquinamento da microfibre.

E non dimenticare di spargere la voce! Racconta ai tuoi amici, familiari e comunità cosa sta succedendo e come anche loro possono essere parte della soluzione.

    .

    1 comment

    • Are any bills being presented to cut back on plastic manufacturing? I only buy cotton clothing snd bedding. I do not like the new blankets and micro fiber bedding.

      Arline

    Leave a comment

    Please note, comments must be approved before they are published